Sanzioni per guida in stato di ebbrezza

Leggi consigli sull'assicurazione RC AUTO, multe e autovelox, aspetti fiscali legati al mondo dell'auto

Moderatore: Antonio

Sanzioni per guida in stato di ebbrezza

Messaggiodi Antonio il 24/07/2008, 9:10

La guida in stato di ebbrezza è considerata un reato (l'accertamento, cioè, non si risolve con una semplice multa, ma si viene giudicati dal tribunale nella persona del giudice monocratico). L'ultima modifica alla norma - varata con il cosiddetto decreto Maroni, in vigore dal 27 maggio 2008 - ha inasprito le sanzioni e reintrodotto il reato di rifiuto di sottoporsi ad accertamento, in precedenza punito con una semplice, ancorché onerosa (2500 euro), sanzione amministrativa. In entrambi i casi, sia per la guida in stato di ebbrezza, sia per il rifiuto di sottoporsi al controllo, oltre alle sanzioni sotto indicate, è prevista la decurtazione di dieci punti dalla patente.
Nel dettaglio:

1) se il tasso alcolemico accertato è superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi per litro l'ammenda è compresa tra 500 e 2000 euro ed è prevista la sospensione della patente da tre a sei mesi;

2) se il tasso alcolemico accertato è superiore a 0,8 e non superiore a 1,5 grammi per litro l'ammenda è compresa tra 800 e 3200 euro, è prevista la sospensione della patente da sei mesi a un anno ed è previsto l'arresto fino a sei mesi (in precedenza erano tre mesi);

3) se il tasso alcolemico accertato è superiore a 1,5 grammi per litro l'ammenda è compresa tra 1500 e 6000 euro, è prevista la sospensione della patente da uno a due anni, il sequestro del mezzo ed è previsto l'arresto da tre mesi a un anno (era fino a sei mesi). Inoltre, altra novità, "con la sentenza di condanna (ossia con il cosiddetto patteggiamento, ndr), a prescindere dall'eventuale sospensione condizionale della pena, a richiesta è sempre disposta la confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che il veicolo stesso appartenga a persona estranea al reato stesso. La stessa procedura - prosegue il decreto - si applica anche nel caso di cui al comma 2-bis", cioè nel caso in cui il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale. Confermata la revoca della patente di guida se il reato è commesso dal conducente di un autobus o di un veicolo di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate o di complessi di veicoli o, infine, nel caso in cui lo stesso reato venga commesso in un biennio.

Attenzione: se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale le pene, nei tre casi sopra previsti, sono raddoppiate ed è disposto il fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni.

Infine, torna a essere un reato il rifiuto di sottoporsi all'accertamento del tasso alcolemico, depenalizzato lo scorso anno dal decreto Bianchi. Le pene sono le stesse previste al punto 3): ammenda compresa tra 1500 e 6000 euro e arresto da tre mesi a un anno. La condanna comporta anche la sanzione accessoria della sospensione della patente da sei mesi a due anni e il fermo amministrativo del veicolo con il quale è stato commesso il reato per 180 giorni, tranne il caso in cui il veicolo appartenga a persona estranea alla violazione.

Attenzione: se il reato di rifiuto di accertamento è commesso dopo una condanna per lo stesso reato nei due anni precedenti la patente viene automaticamente revocata.

fonte: "Quattroruote"
MODERATORE
Avatar utente
Antonio
 
Messaggi: 265
Iscritto il: 20/06/2008, 23:02

Torna a Multe, assicurazioni, normativa e leggi, finanziamenti e leasing

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite